Parliamo di banche, non tanto dal punto di vista fondamentale cosa che potremmo fare in un altro articolo, ma dal punto di vista delle loro andamento di mercato.

Per fare questo facciamo una prima distinzione fra un paniere di banche mondiali rappresentate dall’ETF LIXOR WORLD FINANCIALS ed uno di banche europee rappresentate dall’ETF AMUNDI EUROPE BANKS.
amundi-world-bank-vs-lyxor-euro-banks

Balza subito all’occhio la differenza di performance (a vantaggio del settore mondiale) tra i due indici a testimonianza del fatto che concentrare l’investimento in nicchie di mercato può essere poco remunerativo se non si hanno a disposizione strumenti di analisi adeguati.

Evito per “pudore” il confronto con l’indice settoriale italiano anche se qualche grafico relativo alle nostre banche può darvi un’idea del disastro procurato ai portafogli di chi ci ha investito.

unicredit

ubi-banca

Ma quando sarebbe stato opportuno investire in questo settore tenendo sempre presente dell’elevata rischiosità di questo investimento?

Analizziamo i due ETF  con il nostro solito strumento e vediamo cosa ne avremmo ricavato:

amundi-msci-europe-banks-ucits-etf

  • lyxor-ucits-etf-msci-world-financials

In entrambi i grafici ogni volta che l’algoritmo ha toccato, o si è avvicinato molto, alla parte inferiore della banda di oscillazione abbiamo avuto un minimo relativo da cui gli ETF sono ripartiti.

Con il nostro strumento avremmo quindi identificato dei validi punti di ingresso anche su questi ETF.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*